Nertera granadensis


La Nertera è una pianta appartenente alla famiglia delle Rubiaceae, coltivata a scopo ornamentale per la bellezza delle sue bacche colorate e particolarmente diffusa sul mercato nel periodo natalizio.

nertera-granadensis-foto



Caratteristiche della Nertera

La Nertera, la cui varietà più nota è la Nertera Granadensis detta anche nertera depressa, è una pianta cespugliosa bassa a portamento strisciante con un apparato radicale superficiale e poco profondo, numerosi steli fittamente intrecciati ricoperti da foglioline sempreverdi di colore verde brillante.

Le foglie piccole ed opposte hanno forma ovale.

I fiori, giallo-verdi, poco appariscenti e scarsamente decorativi compaiono nel mese di giugno.

I frutti, bacche molto decorative di colore giallo, arancione o rosso brillante, a seconda della specie, racchiudono nel loro interno un piccolo seme e persistono sulla pianta per tutto il periodo invernale.

nertera_granadensis-coralito

Fioritura

La pianta fiorisce fiorire durante il periodo estivo.

Coltivazione della Nertera

Esposizione: la nertera richiede posizione luminose ma non il sole diretto.

Temperatura: la temperatura ideale per lo sviluppo e la fruttificazione della pianta è sui 15° nel periodo primavera – estate e non inferiore agli 8° in inverno.

Terreno: la nertera coltivata in vaso o in piena terra preferisce un terreno ben drenato, fertile, ricco di humus e arricchito di carbone vegetale.

Annaffiature: mantenere il terreno costantemente umido e le piante allevate in vaso annaffiare ponendo l’acqua nel sottovaso, buttando quella in eccesso dopo una ventina di minuti.

Concimazione:somministrare concime per piante da fiore diluito nell’acqua delle annaffiature ogni 20 giorni, a partire dalla tarda primavera, riducendo il quantitativo a metà del dosaggio indicato.

Rinvaso il rinvaso, annuale, va effettuato quando le radici hanno occupato tutto lo spazio disponibile in contenitori di maggiore ampiezza e poco profondi.

Nertera-granadensis

Moltiplicazione della Nertera

La Nertera si moltiplica per divisione della pianta in primavera o all’inizio dell’autunno.

Comunque è preferibile dividere la pianta in due parti prima della fioritura.

La parti divise vanno poste in terreni freschi e ben drenati e i vasi collocati almeno per 1 anno in posizioni ombreggiate.

Potatura

Leggera potatura a fine inverno ai soli fini di contenimento e per mantenere la forma a cuscino della pianta.

I rami secchi vanno potati, in qualunque periodo dell’anno, usando una forbice pulita e disinfettata (alla fiamma o con in alcool o con varechina) per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

Parassiti e malattie

La nertera è una pianta resistente e raramente viene attaccata da malattie e parassiti.

Cure

Concimare periodicamente per favorire la formazione dei frutti. Un’errata concimazione può precludere la nascita dei frutti della pianta.

Regolare le annaffiature per evitare che la pianta appassisca.

Tenere la pianta lontano dai raggi solari diretti per evitare l’imbrunimento delle foglie.

La pianta può essere tenuta all’aperto, in un luogo ombreggiati, dalla primavera all’autunno, e riportata in casa quando cominciano a formarsi le bacche.

Usi

Pianta natalizia coltivata a scopo decorativo per la casa e le zone protette.

Galleria foto della Nertera

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta