Maggiociondolo coltivazione


Maggiociondolo-laburnum

Il Maggiociondolo è un arbusto ornamentale molto apprezzato per i suoi profumati e persistenti grappoli di fiori di colore giallo oro.



Caratteristiche Maggiociondolo – Laburnum anagyroides

Il maggiociondolo, Laburnum anagyroides, è un piccolo albero caducifoglio della famiglia delle Fabaceae originario dell’Europa coltivato nei parchi e giardini soprattutto delle regioni del centro e Nord Italia.

E’ noto anche come falso ebano o avorniello, per il suo legno che man mano diventa sempre più simile a quello dell’ebano.

La pianta, alta mediamente 8 metri, è formata da un robusto apparto radicale e da un fusto marrone – verdastro molto ramificato.

I lunghi rami flessuosi e pendenti sono ricoperti da foglie ellittiche trilobate di colore verde chiaro.

Le foglie sono glabre sulla pagina superiore e leggermente pelose in quella inferiore.

Maggiociondolo-fiori

I fiori di colore giallo carico, delicatamente profumati e molto decorativi sono delle bellissime infiorescenze a grappolo lunghe circa 30 cm (simili a quelli del glicine e a quelli della Robinia).

I frutti sono grandi baccelli contenenti dei semi scuri, tondeggianti e piatti fertili ma molto velenosi.

Fioritura: il Maggiociondolo fiorisce dalla primavera inoltrata fino a tutto luglio.

Maggiociondolo-coltivazione-laburnum

Coltivazione Maggiociondolo

Esposizione: anche se si sviluppa abbastanza anche i luoghi semiombreggiati per favorire la fioritura è consigliabile collocarlo al sole diretto.

Terreno: si adatta a qualunque tipo di terreno anche se predilige quello sciolto e ben drenato con pH neutro o leggermente basico.

Annaffiature:  gli esemplari adulti si accontentano delle piogge mentre quelli giovani vanno annaffiati regolarmente soprattutto in estate e nei periodi di prolungata siccità ma solo quando il terreno è completamente asciutto.

Concime-granulare

Concimazione: in primavera e in autunno somministrare alla base della pianta del concime organico granulare e a lento rilascio.

Laburnum-anagyroides

Moltiplicazione Maggiociondolo

Il Laburnum anagyroides si moltiplica per seme in primavera e per talea legnosa in estate.  Poichè i semi sono racchiusi all’interno di un tegumento spesso e rigido, prima di interrarli si consiglia di scarificarli con della carta vetrata o di metterli in ammollo in acqua per 24 -48 ore.

Le talee, prelevate con cesoie ben affilate e disinfettate, vanno messe a radicare in un miscuglio di torba e sabbia. Dopo la radicazione le nuove piantine si allevano in vaso per almeno due anni prima di essere impiantate in piena terra.

Maggiociondolo-potatura

Potatura del Maggiociondolo

La pianta richiedi veri e propri interventi di potatura ma vanno comunque recisi i rami rotti e quelli danneggiati dal freddo.

Parassiti e malattie del Maggiociondolo

Si tratta di una pianta rustica resistente agli attacchi degli afidi ma teme l’armillaria mellea un fungo che provoca il marciume delle radici e la morte della pianta.

Cure e trattamenti

Per evitare l’insorgere del marciume delle radici impiantare il Maggiociondolo in terreni ben e quindi senza ristagni d’acqua. Ai primi sintomi della malattia e se la pianta è stata colpita in modo lieve, si consiglia di asportare e bruciare i rami colpiti e disinfettare con prodotti a base di rame il colletto del tronco. Se invece le radici ed il tronco sono gravemente compromessi bisogna estirpare la pianta per evitare che la malattia si diffonda alle altre.

Curiosità sul maggiociondolo

Il suo nome deriva dal periodo della fioritura, ossia maggio e dalla modalità a ciondolo, pendente dei sui grappoli di fiori.

Linguaggio dei fiori

Nel gergo dei fiori e piante, assume il significato di benvenuto.

E’ una pianta velenosa e tossica?

E’ una delle piante che provoca il maggior numero di casi di avvelenamento e morte nell’uomo ed entra a pieno titolo nella classifica delle piante mortali.

Tutta la pianta è velenosa,  per la presenza di alcaloidi chinolizidinici, ed in particolare di citisina; soprattutto i semi che vengono disseminati naturalmente sul terreno e, per questo motivo si sconsiglia di allevarla in luoghi frequentati da bambini che possono scambiarli per piselli e da animali da pascolo.

Galleria foto Maggiociondolo

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta