Geranio macranta coltivazione


Geranio-macranta

Il geranio macranta chiamato anche geranio fantasia è una varietà apprezzata per il suo folto e profumato fogliame, per i suoi splendidi fiori simili a piccole farfalle e per la sua resistenza all’attacco dei comuni parassiti.



Caratteristiche del Geranio Pelargonium macranta

Il geranio macranta come tutte le altre specie di gerani appartiene alla famiglia delle Geraniacee largamente coltivato in tutte le zone caratterizzate da un clima mite.

Si tratta di una pianta erbacea sempreverde a portamento eretto, che in condizioni climatiche ottimali può superare anche il metro di altezza.

Gli steli da erbacei e di colore verde brillante tendono a diventare con il passare del tempo legnosi e di colore marrone chiaro.

Geranio-macranta

Le foglie, gradevolmente profumate, arricciate e di colore verde hanno i margini frastagliati. Foglie e steli sono ricoperti da una fitta e corta peluria biancastra.

Greanio-macranta-fiore

I fiori, grandi e molto decorativi, sono portati da lunghi steli sottili che fanno capolino tra il fitto fogliame. I petali dei fiori sono leggermente vellutati e il loro colore varia dal bianco al rosa, dal rosso al lilla scuro.

geranio-macranta-fioritura

Fioritura: fiorisce copiosamente dalla primavera avanzata fino alla fine dell’estate.

geranio-macranta-coltivazione

Coltivazione geranio macranta

Esposizione: si alleva in luoghi luminosi e soleggiati al riparo delle correnti d’aria. Teme il gelo dell’inverno e le estati troppo calde. La temperatura ambientale ottimale è di 25-28°C. Nelle zone con estati troppo calde si consiglia di mettere a dimora il geranio ai piedi di alberi ad alto fusto o in luoghi parzialmente ombreggiati.

Terreno: predilige il terreno soffici, ben drenato e con pH leggermente acido. Il substrato ottimale è un miscuglio di terriccio universale misto a un po’ di sabbia grossolana per favorire lo sgrondo dell’acqua delle annaffiature.

Annaffiature: questa varietà di geranio necessita di regolari ed abbondanti annaffiature dalla ripresa vegetativa fino all’estate inoltrata avendo l’accortezza di non bagnare le foglie evitando anche i ristagni idrici nel sottovaso. Nel periodo autunno-inverno le irrigazioni vanno ridotte al minimo indispensabile per evitare che terreno si asciughi completamente.

Concimazione: questo tipo di geranio va concimato spesso in media, ogni 15 giorni, si somministra un concime ternario ad alto titolo di potassio (K) per stimolare e prolungare la fioritura. Sempre periodicamente fornire anche i microelementi indispensabili per l’adeguata crescita della pianta vale a dire un concime arricchito di magnesio (Mg),  ferro (Fe), manganese (Mn), rame (Cu) ecc.

Moltiplicazione Geranio macranta o macrantino

Come tutti i gerani anche il geranio macranta può essere propagato in primavera o a fine agosto mediante talea di ramo.

Le talee lunghe circa 10 cm si prelevano dalla pianta madre utilizzando sempre cesoie o forbici ben affilate e disinfettate di volta in volta per evitare il rischio di infezioni fungine.

Si prelevano porzioni di steli apicali sani e sviluppati. Si eliminano le foglie più basse e se lasciano solo le tre apicali. Le talee, dopo essere state trattate con la polvere rizogena o un ormone radicante, si interrano  in piccoli vasi contenenti un terriccio soffice composto da due parti di torba e una parte di sabbia silicea.

I vasetti si mettono in un luogo luminoso ma non esposti ai raggi diretti del sole per il tempo necessario alla radicazione il substrato va mantenuto leggermente umido.

Alla comparsa di nuove foglie, segno dell’avvenuto attecchimento, si lasciano irrobustire le nuove piantine e solo dopo una settimana potranno essere trasferite in vasi singoli ed allevate come le piante adulte.

Geranio-rinvaso

Rinvaso

Come tutti i gerani, parigini, zonali ed altri va rinvasato ogni anno a fine inverno utilizzando o lo stesso vaso ben disinfettato o uno nuovo leggermente più grande del precedente. Quando i geranio viene svasato si consiglia di sbattere delicatamente il pane di terra che avvolge le sue radici per eliminare l’effetto vaso e poi  di accorciare le radici più lunghe utilizzando delle forbici ben affilate e disinfettate. Il terriccio deve essere nuovo, fertile, misto a torba e a una parte di terra argillosa.

Geranio-potatura

Potatura o cimatura

Il geranio macranta generalmente va potato in primavera prima del rinvaso. Si accorciano di circa i 2/3 della loro lunghezza i rami più lunghi mentre si recidono alla base quelli più vecchi e danneggiati dal freddo. Per stimolare la produzione di nuovi getti si cimano i fiori appassiti tagliandoli fino all’intersezione dello stelo fiorifero.

ruggine-geranio

Parassiti e malattie del geranio macranta

Si tratta di una pianta che mostra un’elevata resistenza al licenide, Cacyreus marshalli, che come aè noto a tutti è un parassita che provoca l’annerimento degli steli e la conseguente morte della pianta in pochi giorni. Se l’ambiente di coltivazione è sufficientemente areato e il clima non troppo umido raramente viene attaccato dagli afidi, dalla cocciniglia cotonosa e dalla ruggine.

E’ sensibile comunque al marciume delle radici se il terreno di coltivazione non è ben drenato.

Cure e trattamenti

Le piante allevate nelle aiuole del giardino vanno protette dal freddo invernale con una leggera pacciamatura di paglia e foglie secche mentre quelle allevate in vaso vanno riparate in luoghi luminosi ma protetti con temperature minime non inferiori ai 5°.

Le piante infestate da parassiti animali vanno trattati con antiparassitari specifici a largo spettro e contro gli afidi sono efficaci anche nebulizzazioni fogliari con l’antiparassitario all’ortica e all’aglio facili da preparare anche in casa.

Usi e proprietà

I principi attivi contenuti nelle foglie vengono sfruttati per la preparazione di creme ed unguenti efficaci per la cura di eczema, acne, piccole ustioni e per lenire il prurito causato dalle punture delle zanzare.

Nelle medicina omeopatica e in aromaterapia il geranio viene utilizzato per la sue molteplici quali : antidepressiva, riequilibratrice del sistema nervoso, antinfiammatoria, antisettica e astringente.

Geranio-linguaggio-fiori

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori e delle piante il geranio ha un significato diverso in relazione al colore dei suoi fiori:

  • il geranio rosa è il simbolo di un nuovo affetto;
  • il rosso simboleggia il conforto;
  • con fiori di colore rosso scuro simboleggia la malinconia.

Galleria foto gerani

Continua: Eliotropo coltivazione





Lascia una risposta