Calocephalus Pianta Corallo


calocephalus

Il Calocephalus è una pianta di medie dimensioni coltivata in vaso e nei giardini perchè forma arbusti molto decorativi.

Calocephalus-foglie



Caratteristiche generali Calocephalus o Pianta corallo

Il Calocefalo, Calocephalus brownii, è un pianta perenne sempreverde della famiglia delle Asteraceae proveniente dall’Australia.

La pianta, a sviluppo arbustivo, è composta da tantissimi fusti sottili variamente ramificati di colore verde – grigiastro o argenteo, ricoperti da piccolissime foglie lineari dello stesso colore. L’arbusto può raggiungere i 60 cm di diametro e superare anche il metro d’altezza.

Durante il periodo della fioritura, sugli apici degli steli, compaiono piccole infiorescenze sferiche, costituite da fiori giallo verdastro simili a quelli della Santolina e del Piretro.

Calocephalus-fioritura

Ai fiori seguono i frutti delle piccole bacche grigio biancastre contenenti piccoli semi.

Fioritura: fiorisce copiosamente in primavera

Calocephalus-coltivazione

Coltivazione Calocephalus

Esposizione: ama i luoghi luminosi e soleggiati per molte ore al giorno. Tollera abbastanza bene  le temperature molto basse ma teme i venti gelidi.

Terreno: predilige il terreno soffice, fertile e ben drenato.

Annaffiature: è una pianta poco esigente di acqua e generalmente quella coltivata in piena terra si accontenta delle acque piovane. La pianta allevata in vaso va annaffiata solo quando il substrato è asciutto da diversi giorni.

Concime

Concimazione: ogni 2 mesi somministrare alla base della pianta del concime granulare a lenta cessione oppure del concime liquido ricco in azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) ogni 2 – 3 settimane opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature.

20141101_152456

Moltiplicazione e rinvaso del Calocephalus

La moltiplicazione può avvenire per seme in primavera e per talea in estate. Le talee semilegnose e lunghe di 8-10 cm si mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia fino a quando non compariranno nuove foglie. Il rinvaso si effettua in primavera utilizzando un contenitore più grande e un substrato fresco.

oidio-mal bianco

Malattie e parassiti

Le piante di Calocephalus brownii soffrono il mal bianco o oidio e gli afidi se il clima è troppo umido; teme il marciume radicale se il terreno non è sufficientemente drenato.

Cure e trattamenti del Calocefalo

Se il Calocephalus è allevato in vaso svuotare il sottovaso dopo circa 30 minuti dalle annaffiature e in inverno ricoverarlo in un luogo protetto. In caso di infestazioni da parassiti e malattie fungine effettuare trattamenti con prodotti specifici, ottimo anche quello a base di piretro.

Curiosità

Per la sua somiglianza ad un corallo marino viene anche chiamata Pianta Corallo.

Esiste anche un albero chiamato pianta del corallo ossia l’Erythrina Caffra.

Galleria foto Calocephalus

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta