Boronia coltivazione


Boronia_algida

Caratteristiche generali della Boronia

Al genere Boronia della famiglia delle Rutaceae appartengono oltre 60 specie di piante per lo più a sviluppo arbustivo coltivate nei giardini e nei parchi pubblici per la loro spettacolare fioritura.

La più conosciuta è la Boronia ledifolia una specie sempreverde di origine australiana coltivata per a sue molteplici proprietà benefiche soprattutto sulla mente umana.

Boronia-foto

La pianta, alta mediamente 80-90 cm, è formata da steli semilegnosi ricoperti da foglie lanceolate e coriacee di colore verde scuro con margini leggermente dentellati.

Le foglie della Boronia emanano un gradevole profumo se vengono schiacciate fra le dita.

Boronia-fiore

I fiori a forma di stella hanno quattro petali, di colore rosa, bianco o fucsia (secondo le varietà).

I frutti, a maturazione, liberano dei piccoli semi.

Fioritura: fiorisce dalla primavera fino alla tarda estate.

Boronia_fraseri

Coltivazione Boronia

Esposizione: predilige i luoghi luminosi e soleggiati per molte ore al giorno. Non tollera il freddo e le zone ventose.

Terreno: si adatta a qualsiasi tipo di terreno, sciolto e ben drenato preferibilmente misto a torba e a un po’ di sabbia.

Annaffiature: è una pianta poco esigente di acqua; va annaffiata quando il terreno è completamente asciutto, in media ogni 2 – 3 settimane.

Concime-granulare

Concimazione: in autunno somministrare ai piedi del cespuglio un concime ricco in fosforo (P) e potassio (K). Dalla primavera in poi, almeno una volta al mese fornire un concime specifico per piante da fiore.

Bornia-serrulata

Moltiplicazione della Boronia

La boronia si propaga per seme e per talea.

Le talee si effettuano in estate prelevando rametti semi-legnosi dell’anno che vanno messi a radicare in un substrato formato da due parti di sabbia e una di torba.

Dopo un mese le nuove piantine vanno trasferite singolarmente in vasi e allevate, come le azalee per almeno 2 anni prima di essere messe a dimora.

Potatura  della Boronia

Boronia-crenulata

Dopo la fioritura la pianta va potata energicamente, accorciando gli steli per almeno i 2/ 3 della loro lunghezza.

Oidio-mal bianco

Parassiti e malattie Boronia

Sono piante che temono le malattie fungine e particolarmente la ticchiolatura e il mal bianco o oidio se il clima è eccessivamente umido.

Cure e trattamenti

Per prevenire le malattie, in autunno, trattare le piante con antifungini a largo spettro. Se le piante presentano segni di infestazioni è bene eliminarle  e bruciarle.

Linguaggio e significato dei fiori

La Boronia è il simbolo della serenità e della tranquillità mentale.

Galleria foto Boronia

Continua: Tamerice coltivazione






COMMENTI

  • caterina zacchetti - - Rispondi

    Sapreste dirmi se i frutti hanno un qualche possibile utilizzo?

Vedi tutto

Lascia una risposta