Rovi infestanti: come eliminarli

L’autunno è quasi alle porte, i lavori nell’orto e nei campi sono incessanti e faticosi e prima dell’arrivo del grande freddo bisogna ripulire il terreno dalle erbacce infestanti e in particolare dai cespugli di rovi che con i loro fusti lunghi e spinosi occupano molto spazio e compromettono per la lor vigorosità  lo sviluppo delle piante da frutto e le diverse colture orticole.

I rovi sono difficili da sradicare in quanto possiedono un robusto e profondo apparato radicale e non sempre è possibile eliminarli con l’estirpazione manuale che tra l’altro risulta molto faticosa e non sempre i risultati sono ottimali.

Il rimedio più efficace consiste nel combatterli già sul nascere mediante l’impiego del Glifosato un potente diserbante sistemico che assorbito dalla pianta e trasportato da essa per via linfatica colpisce i tessuti vegetali giovani e in via di sviluppo.

Il trattamento con il Glifosato va fatto consecutivamente almeno per 2 -3 volte se si vuole essere certi del totale disseccamento delle radici dei rovi cosa che avviene nel giro di 7 giorni al massimo.

Trattamenti

I trattamenti vanno fatti quando le piante giovani sono belle rigogliose, in maniera che assorbano per bene il diserbante e nel terreno non sono presenti altre piante.

Come si somministra?

Generalmente al mattino presto, in giornate non ventose e diluito nell’acqua secondo le dosi consigliate.

Quando si somministra?

Gli interventi si effettuano 2 volte l’anno: uno in inverno quando le piante di rovi entrano in riposo vegetativo e l’altro ad inizio primavera periodo in cui le piante incominciano ad emettere i nuovi ricacci.

Pin It
Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...