Portulaca coltivazione e cure

portulaca

La Portulaca chiamata anche fiore di vetro è una pianta erbacea succulenta coltivata in vaso e nei giardini rocciosi a scopo ornamentale.

portulaca

Caratteristiche generali della Portulaca

La pianta, originaria della’America del sud, dell’Asia e dell’Africa, appartiene al genere Portulaca, che comprende circa 200 specie, e alla famiglia delle Portulacaceae. La portulaca o porcellana è una pianta annuale o perenne a portamento eretto o strisciante, con steli erbacei semiprostrati di colore rossiccio. Le foglie carnose piatte o tubulari, di colore verde, presentano alla base un ciuffo di peluria.

I fiori, pentapetali, a forma di piccole rose, si schiudono al sole per poi chiudersi al tramonto. Il colore dei fiori è variabile: bianco- narciso, giallo-arancio, rosa, rosso- porpora. I frutti a capsula, contengono  piccoli semi.

portulaca-fiore

Fioritura
La pianta fiorisce da aprile – maggio in poi.

Coltivazione della portulaca

Esposizione: la pianta ama le zone luminose e soleggiate.

Terreno
: predilige terreni misti, soffici e ben drenati.


Annaffiature
: annaffiature scarse ma regolarie solo quando il terreno è completamente asciutto.

Concimazioni: concimazioni quindicinali con concimi per piante da fiori a lento rilascio o con concimi liquidi sciolti nell’acqua delle annaffiature.

Moltiplicazione della portulaca

La propagazione della portulaca avviene per seme o per talea degli steli.

Semina
Semina  in semenzaio in primavera a circa 1/2 di profondità; semina in piena terra nel mese di maggio.

Trapianto
Il trapianto a dimora delle giovani piantine va effettuato in aprile.

Rinvaso 

Il rinvaso va effettuato in primavera, usando  un vaso leggermente più grande del precedente, e preferibilmente di terracotta.

Varietà

Esistono diverse varietà di portulaca come: la P. oleara, la P. grandiflora, la P.sativa (commestibile) e con notevoli proprietà benefiche.

bronchite-infuso-portulaca-oleracea

Malattie e Parassiti della portulaca

La portulaca è una piantina molto resistente e raramente viene attaccata dagli afidi. Teme il marciume radicale causato dal ristagno idrico.

Cure

Cimatura degli steli più lunghi, eliminazione dei fiori appassiti, riparo dal gelo.

Pin It

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>