Lavanda coltivazione

lavanda-coltivazione

La lavanda, lavandula, è una pianta pianta erbacea, perenne, coltivata a scopo ornamentale un po’ ovunque per il suo design decorativo e per l’intensa e gradevole profumazione dei suoi fiori simili a spighe.

lavanda-fiori

Caratteristiche e generalità della lavanda 

La lavanda  è una pianta cespugliosa sempreverde originaria del bacino del Mediterraneo che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Dall’apparato radicale, costituito da numerose radici fascicolate, si diramano fusti semilegnosi ricoperti da foglie lanceolate argentee molto strette intensamente profumate.

lavanda-fogliefiori sono infiorescenze a spighe dalla diversa profumazione (agrumi, canfora, rosmarino) che compaiono agli apici degli steli eretti.

lavanda-fioritura

Fioritura: l’epoca di fioritura della lavanda dipende dalle varietà, generalmente avviene nel periodo primavera – estate.

lavanda-coltivazione

Coltivazione della lavanda

Esposizione: ama le esposizioni soleggiate e ben ventilate. alcune specie sopportano il caldo intenso, altre temono il freddo.

Terreno: è una pianta rustica che ben si adatta a tutti i tipi di terreno pur preferendo quelli calcarei, alcalini e ben drenati.

Annaffiature: è una pianta che va annaffiata solo quando il terreno è completamente asciutto. Nelle piante allevate in vaso è consigliabile svuotare il sottovaso per impedire il marciume delle radici.

Concimazione: in primavera somministrare del concime liquido, specifico per piante verdi, diluito nell’acqua delle annaffiature.

lavanda-moltiplicazione

Moltiplicazione della lavanda

La lavanda si riproduce per seme  e per talea. Le talee si effettuano in primavera prelevando dei rametti laterali lunghi circa 10 -15 cm che vanno messi a radicare in terriccio misto composto da sabbia e torba e i contenitori vanno collocati in zone luminose e riparate dal freddo.

Impianto della lavanda

La messa a dimora in piena terra delle piante di lavanda si effettua in primavera.

lavanda-potatura

Potatura della lavanda

La potatura della lavanda si pratica a fine fioritura mediante la cimatura dei germogli apicali o recidendo gli steli in maniera più drastica, per favorire l’incespimento e maggiore compatte all’arbusto.

Rinvaso della lavanda

Le piante di lavanda allevate in vaso necessistano di un rinvaso in contenitori più grandi quando le radici fuoriescono dai dori di drenaggio dell’acqua.

rinvasoMalattie e parassiti della lavanda

La lavanda teme il marciume radicale causato dal ristagno idrico. In ambienti troppo umidi potrebbe essere attaccata dal fungo Septoria che si manifesta con macchie chiare sulle foglie.

Usi e impieghi della lavanda

In campo fitoterapico la lavanda  viene impiegata per unguenti contro le punture di insetti, infusi e bagni rilassanti. In profumeria la lavanda viene utilizzata per la preparazione di delicate colonie, saponette, deodoranti e sali. In cosmesi per la preparazione di creme.
In casa per profumare ambienti, mobili e per la preparazione di aceto contro le formiche.

Pin It

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>