Antizanzare per sottovasi – Zanzibar

L’estate è la stagione del sole del mare, delle tante sospirate ferie ma ahimè anche la stagione delle zzz…zanzare e la convivenza con esse e sopratutto con la zanzara Killer diventa sempre più difficile.

Ogni anno si va alla ricerca di qualche rimedio efficace e tra le tante proposte come l’originale Dionea  muscipula o la sua copia la pianta meccanica carnivora, il Bio kill, le candele alla citronella, oggi vi proponiamo anche l’antizanzare di Zanzibar, una soluzione pratica, efficace ed assolutamente naturale per prevenire la riproduzione delle zanzare nei sottovasi delle piante d’appartamento e per quelle che abitualmente coltiviamo all’esterno.

Si tratta di un prodotto atossico per le piante, le persone e gli animali domestici che, ha il potere di stroncare le zanzare adulte e contemporaneamente è capace di bloccare lo sviluppo delle larve che si annidano nelle acque di drenaggio che fuoriescono dai fori dei vasi.

Zanzibar, prodotto di Eugea, e messo a punto da un gruppo di chimici di Bologna è un prodotto nuovo che rispetta l’ambiente e gli insetti utili.

Che cos’è e Come funziona?

Si tratta di un semplice reazione enzimatica. Zanzibar è infatti un enzima che reagendo con il calcare (anche se presente in piccole quantità) presente nell’acqua, produce una barriera di micro bolle sul pelo dell’acqua che impedisce di deporre le uova alle zanzare adulte e e alle forme larvali di respirare. La sua azione persiste fino a tre settimane anche se le annaffiature sono frequenti.

L’uso è semplice: si agita la fialetta, si apre e si versa nel sottovaso. L’utilizzo del prodotto deve avvenire da aprile a ottobre, periodo di presenza delle larve. Il prodotto mantiene la sua efficacia anche negli intervalli di tempo tra una innaffiatura e l’altra. Una fialetta è utile per 2 o 3 sottovasi.

Pin It

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>