Anthurium coltivazione e cure

Anthurium

Caratteristiche generali dell’Anthurium

L’anthurium andreanum è una pianta ornamentale d’appartamento molto decorativa e resistente, appartenente alla famiglia delle Araceae, originaria delle aree tropicali del Sud America.

Chiamato anche semplicemente anturio è una pianta erbacea perenne ricca di foglie coriacee cuoriformi di un intenso colore verde lucido che diramandosi da steli lunghi e sottili formano un cespuglio tondeggiante, di circa 35-45 cm di diametro.

Anthurium

Alcune foglie modificate di colore bianco, rosa o rosso rubino, dette spate, avvolgono lo spadice una vistosa infiorescenza cilindrica di colore giallo paglierino che produce fiori sessili.

Fioritura: la pianta produce fiori per tutto l’anno, soprattutto da Maggio a Settembre. I fiori recisi si conservano per lungo tempo.

anthurium-pianta-depurativa-aria

Coltivazione dell’anthurium

Esposizione: l’anthurium o Anturio ama la luce diffusa e filtrata; ama le temperature miti intorno ai 20 gradi circa; teme l’esposizione diretta ai raggi solari (le foglie si bruciano) e gli sbalzi termici.

Terreno: predilige i terreni torbosi, freschi e organici misto a foglie e a pezzi di corteccia sminuzzata.

Concimazione: concime liquido diluito nell’acqua delle innaffiature ogni 15 giorni nel periodo delle fioritura e dello sviluppo vegetativo.

Innaffiature: regolari e costanti a giorni alterni in estate e settimanali durante l’inverno ma mai abbondanti. Nei periodi di forte calura è consigliabile effettuare una nebulizzazione fogliare che però va sospesa nel periodo della fioritura.

Spatifillo-rinvaso

Moltiplicazione Anthurium

Si propaga per semina e come lo spatifillo, le gazanie e tante altre  piante mediante la divisione dei cespi.

La divisione dei cespi è da preferire in quanto consente di avere piante già cresciute e con le stesse caratteristiche genetiche della pianta madre. Il periodo più indicato per moltiplicare l’anturio con questa tecnica è la primavera.

Potatura : questa pianta non va potata. Si recidono alla base solo le foglie danneggiate e gli steli secchi.

Rinvaso-piante

Rinvaso 

Ogni 2 anni, a febbraio, effettuare il rinvaso dell’anthuriu  avendo l’accortenza di coprire tutte le radici con il terriccio.

Malattie e Parassiti

L’anthurium teme l’attacco degli afidi e delle cocciniglie che formano macchie cotonose sulle foglie; i funghi che danneggiano le foglie con macchie scure.

anturi-verdi-sposa

Cure dell’Anthurium

Per mantenere sana la pianta bisogna proteggerla dalle correnti d’aria; eliminare i fiori appassiti; praticare trattamenti anticrittogamici solo se necessari; eliminare le foglie colpite da malattie; spolverare periodicamente il fogliame con uno straccio umido.

Usi e specie

Le diverse specie di anturio sono coltivate a scopo ornamentale, i fiori recisi sono utilizzati per composizioni floreali, per allestire chiese e banchetti nuziali.

confezioni-fiori sposa

Le varietà mignon di colore bianco sono utilizzati per il bouquet delle spose.

anthurium-flamingo

Anthurium Scherzerianum

anthurium-scherzerianum-anturio

Anthurium Crystallinum

anthurium-crystallinum-anturio

Anthurium Veitchii

anthurium-veitchii

Anthurium andicola

anthurium-andicola

Anthurium Andreanum

anthurium-andreaum-anturio

Anthurium Bakeri

anthurium-bakeri

Anthurium velenoso e tossico

L’Anthurium è un fiore tossico sia per l’uomo che per gli animali in particolare i gatti che non sono in grado di riconoscerne la tossicità.

E’ causa di irritazione alle mucose orali con bruciore intenso alle labbra, lingua, salivazione eccessiva, difficoltà nella deglutizione e vomito se ingerita.

Foto dell’anturio

Pin It

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>